Llangollen Railway, storica ferrovia gallese

di
Real Ale Express Train © Andrea Lessona

Real Ale Express Train © Andrea Lessona

Lo sbuffo della vecchia locomotiva avvolge il Real Ale Express. Attraverso la nube densa di carbone sulla pensilina, e salgo a bordo del treno. Entro nello scompartimento di legno, mi siedo su uno dei sedili di velluto rosso, e aspetto il fischio del capostazione.

Dal finestrino abbassato, lo sento fendere l’aria scura della ferrovia di Llangollen. La motrice sobbalza e, lenta, inizia a muoversi sulle rotaie: un viaggio di sette e miglia e mezzo lungo le sponde del fiume Dee per arrivare sino al villaggio di Carrog.

Un viaggio nella storia di questa zona per riscoprire una linea dismessa e poi riattivata che ogni anno, grazie ai volontari, fa respirare carbone e passione alle migliaia di visitatori arrivati qui nel Denbighshire, cuore del Galles settentrionale.

La Llangollen Railway inizia a far correre i primi treni nel 1975: un gruppo di persone appassionate crede nel sogno di una ferrovia nostalgica che attraversi la valle del Dee, e regali ai viaggiatori scenari unici di natura incontaminata.

Così la vecchia linea principale, chiusa ai passeggeri nel 1965 e alle merci nel 1968, viene ripristinata. Le strutture, la segnaletica, i binari – demoliti dopo la chiusura – vengono rimessi in funzione. E nel 1975 si celebra la riapertura, proprio nella stazione di Llangollen.

E’ qui che prima ho ritirato il biglietto: poco meno di dieci sterline per rivivere un’emozione e degustare una pinta di birra rossa compresa nel prezzo. E’ un viaggio nel passato ma anche nei sapori del Galles.

Intensi come lo stufato di manzo e patate che viene distribuito proprio davanti alla biglietteria da una ragazza lentigginosa, pronta a riempirti il piatto di plastica con un sorriso sincero.

Ma anche a bordo del Real Ale Express si può mangiare e bere: nella carrozza centrale, c’è un bar. E’ qui che mi trovo adesso, dopo che la sera ha iniziato a calare sul fiume Dee, e mi ha privato delle sue acque limpide. Le ho solo sentite gorgogliare dal finestrino, mentre cercavo di rubare l’ultimo scatto al buio.

Il treno prosegue la sua marcia lenta. Ogni tanto dalle porte di comunicazione entra qualche refolo di carbone: brucia la gola, e la birra è un sollievo che cauterizza. Tornato a sedermi nello scompartimento, fisso gli occhi nel vetro: cerco di superare il mio riflesso insistente per vedere oltre.

Intuisco il profilo ligneo della stazione di Berwyn raggiunta dalla tratta nel 1985. Poi la motrice supera il tunnel di un quarto di miglio e raggiunge Deeside, riaperta nel 1990. Da qui la linea si alza gentilmente per altre due miglia sino al villaggio di Glyndyfrdwy, ripristinato nel 1993.

Ancora pochi sbuffi e qualche tratto di binario, e il Real Ale Express entra a Carrog. Il capolinea della ferrovia nostalgica del Galles è stato riaperto nel 1996. Al momento è l’ultimo stop, ma nei prossimi anni c’è l’intenzione di proseguire per altre due miglia e mezzo e raggiungere così Corwen Town, dove verrà costruita una nuova stazione.

Mentre viene staccata la vaporiera per portarla in testa al convoglio, scendo dal treno. Le luci della stazione si riflettono sul vetro dei finestrini, e sfocano il profilo delle carrozze. Poi, dopo il fischio del capostazione, il Real Ale Express sobbalza e si muove lento sulle rotaie: un nuovo viaggio nella notte verso Llangollen e il suo ritorno al futuro.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Llangollen Railway, storica ferrovia gallese"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...